Leyla Zana

Ascolta la puntata

Leyla Zana nasce il 3 maggio 1961 a Silvan, in Turchia. Di origine curda – un popolo senza Stato diviso tra Turchia, Siria, Iran e Iraq – cresce in una famiglia conservatrice. Solo dopo il matrimonio, contratto in giovane età, impara a leggere e scrivere. Quando il marito è incarcerato, diventa giornalista, impegnandosi in prima persona a favore del popolo Curdo, fortemente discriminato dallo stato turco, che impedisce la pratica delle tradizioni e della secolare cultura dell’intera comunità. Contrariamente ai costumi tipici, sostiene fortemente l’importanza di promuovere una lotta nonviolenta contro la brutalità del governo. Più volte condannata per aver difeso le libertà fondamentali di tante donne e uomini oppressi, viene eletta in Parlamento con ampio sostegno popolare. Famosi i suoi discorsi di insediamento in lingua curda, che le valgono condanne e critiche dagli altri parlamentari turchi. Tra le sue battaglie più importanti la difesa dei diritti umani, i diritti delle donne, la promozione dell’istruzione per tutti e tutte e la libertà di espressione.

Leyla Zana, nota in tutta la comunità internazionale per il suo impegno a favore degli oppressi, vince il premio Rafto, il premio Sacharov e viene candidata al premio Nobel per la Pace.

Rifiutiamoci di tacere! Parlare liberamente è un decisivo passo avanti sulla strada della libertà…ricordiamocelo!

Annunci